Theme
ellaphoa:

A blog of vintage, lace, elegance.
nazrjn:

nazrjn
attaches:

untitled by ;dreamer on Flickr.

-Fede, dove vanno i sogni?
Lo guardo per capire se è serio.
E cazzo, non l’ho mai visto più serio di così.
-Io penso che, uhm..
-Quando ero piccolo pensavo che le stelle custodissero i nostri sogni. Poi la scienza mi ha detto che le stelle muoiono.
Fa una risata forzata, quelle cariche di tristezza.
-E allora, quando le stelle muoiono..dove vanno i nostri sogni? Anche quelli che dimentichiamo. Anche gli incubi. Dove vanno? Non stanno nella mia testa se non li ricordo, no? I sogni muoiono? Come le stelle? Come i pesci rossi, come i cani, come le piante, come le persone? Guardami, sono qui. E morirò, un giorno. Morirai anche tu. Pensavo che almeno i sogni restassero. Ma se muoiono le stelle..
Lancia lontano la sigaretta e inizia a camminare avanti e indietro davanti a me. Sta cercando di non piangere, lo vedo dal modo in cui muove le mani.
Non capisco da dove gli sia venuta quest’ansia, stavamo scherzando fino a 5 minuti fa.
Si ferma e mi guarda.
-Scusa. Merda, ti addosso sempre le mie seghe mentali. Mi comporto come un bambino. Dovresti prendermi a calci in culo.
-I sogni non stanno nella testa, penso. Piuttosto, io li tengo nel cuore.
-I sogni vanno nel cuore?
Sorrido.
-Sì.
-E poi? Poi moriamo, no?
Odio i discorsi sulla morte, dato che la morte in sé è qualcosa che non sono mai riuscita ad accettare.
-Sì, poi moriamo.
-E i sogni che stanno nel cuore?
-Ti hanno mai detto che l’anima ha un peso?
-Sì, ne ho sentito parlare.
-Bene, allora, io penso che i sogni volino via con l’anima. Stanno liberi nell’aria e si mischiano agli altri sogni. E creano tutte le cose belle che ci sono nel mondo. Nella vita è inevitabile la morte, ma con la morte si genera altra vita. Lo capisci, questo?
Mi guarda a bocca aperta, poi mi sorride in modo paterno.
-Sai. Se non ti conoscessi non direi mai che hai solo 16 anni. Ma ti senti, quando parli? Dio. Tu..insegni.
-Insegno cosa?
-A vivere.
-E a me stessa insegno solo l’arte di morire, pensa un po’ che ironia.
-Perché le persone come te capiscono.

Capiscono. Cosa capiscono? Cosa capiamo? Cosa capisco?
Ne ho la consapevolezza da qualche parte dentro di me, ma non so nemmeno io cosa capisco.
Allora staremo ancora un po’ qua a guardare le stelle e a pensare che loro muoiono esattamente come noi, che poi non è altro che una verità amara e dolce allo stesso tempo.
Alla fine siamo come le stelle.

E’ solo un momento di crisi di passaggio che io e il mondo stiamo attraversando. -Vasco Brondi. (via ituoiocchisonouncielostellato)

(via emozioni-spente)



Quella notte ho pensato solo ai suoi occhi e volevo che la mia vita fosse guardata da quegli occhi. Solo così sarebbe stata migliore. -Alessandro D’Avenia.  (via emotiondisapate)

..

(Fonte: innamoratadelliga, via partosenzate)



oceanrich:

Fill your dash with magic ♥
infiniteattese:

l’amore che nessuno ha voluto mai.
watehva:

indie//bambi
Per chi si divertiva in gruppo e mi gridava “mi fai schifo”, e ora credo che non rida più. Per chi continua a farsi male non amandosi abbastanza come te, ma forse neanche come me.